FICE

Federazione Italiana Cinema d'Essai

Scheda Film Consigliato

Non conosci Papicha

Titolo originale: Papicha …Sceneggiatura: Munia Meddour …Fotografia: Léo Léfevre …Montaggio: Barbara Dniel, Damien Keyeux, Damien Lazzerini …Musiche: Robin Coudert …Interpreti: Lyna Khoudri, Shirine Boutella, Nadia Kaci …Produzione: Ink Connection …Distribuzione: Teodora …Algeria/Francia 2019 …colore 106’

Recensione Film

Non conosci Papicha

Di Domenico Barone

Inno vitale e liberatorio al coraggio e alla determinazione delle donne, alla forza creativa dell’amicizia e alla complicità della giovinezza, Non conosci Papicha è un convincente incrocio tra la leggerezza e la spensieratezza della commedia con il dramma politico della repressione integralista, che racconta con realismo e semplicità l’esercizio ideologico della repressione morale e religiosa. Nel riprodurre l’identità confusa dell’Algeria, il film è la storia di una ragazza sospesa tra la gioia di vivere e il radicalismo ancestrale delle tradizioni, una studentessa libera e brillante nell’Algeria degli anni Novanta, con un talento come designer di moda: dopo l’uccisione di un’amica giornalista da parte dei fanatici jihadisti, decide, in segno di ribellione, di organizzare una sfilata. Riflettendo ambiguità e compromessi nella rimozione impossibile dei traumi del passato, è la cronaca psicologica e familiare dell’innocenza perduta, raccontata con stile semplice ed essenziale, utilizzando il flashback in maniera esplicativa e facendosi specchio della crudeltà universale. Ispirata a una storia vera e presentata al Certain Regard del festival di Cannes, è un’opera che riflette l’incertezza e la fragilità dei momenti di passaggio, la convivenza con dogmi ed estremismi. Mounia Meddour, che ha studiato con passione la forza ribelle dei personaggi femminili immortalati dalle pellicole di Louis Malle, trova un equilibrio stilistico e narrativo contaminando i tempi e il rigore del cinema europeo con la naturalezza e l’istinto mediterraneo dei sentimenti. Storia di legami profondi, che sovrappone il desiderio creativo e la perseveranza del coraggio tra dolori, uccisioni insensate e abusi inconfessati, riflette l’indeterminatezza e l’eterna ambiguità dei proclami. Il film elude le ragioni ricattatorie della retorica, e con una maturità espressiva che riproduce tensioni e scelte adolescenziali racconta ambizioni e sogni, il riscatto della volontà, l’incoerenza sentimentale, la spregiudicatezza dei comportamenti e la crudezza del
linguaggio. Non conosci Papicha è una corale dichiarazione d’amore alla libertà di pensiero, un film tragico e necessario sul confronto e l’incontro tra posizioni divergenti, schiacciate da veti e da fanatismi morali e spirituali.